I numeri del 2022 fanno ben sperare alberghi e agriturismi: il 2022 sarà l’anno definitivo di ripartenza post pandemia

Finalmente si vede la luce in fondo al tunnel: dopo due anni complicati, il viaggio tornerà ad essere considerato per ciò che è veramente: un’occasione di benessere.

Il biennio pandemico ha generato una crisi storica nel settore turistico; oggi, però, gli operatori possono finalmente tornare a sorridere.

Abbiamo raccolto una serie di statistiche, numeri e indicatori al fine di comprendere meglio le potenzialità che ci saranno nell’anno 2022. Inoltre, il periodo post-covid ha definitivamente consacrato la svolta green: vediamo insieme i trend per l’anno in corso.

La ripresa del 2021 e la definitiva risalita del 2022

Secondo i dati ufficiali ISTAT, il 2021 ha registrato una crescita del 22,3% sulle presenze nei centri ricettivi italiani rispetto l’anno precedente; il dato, ovviamente, fa il confronto con l’anno dove il COVID-19 si trovava nella sua massima espansione. Comunque, nonostante la lenta ripresa, il 2021 si è tenuto ben al di sotto dei numeri precedenti alla pandemia: le strutture ricettive hanno registrato un -38,4% di clienti rispetto al 2019.

L’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) ha invece calcolato la previsione per l’anno corrente: si parla di circa 50 milioni di turisti in arrivo dall’estero in Italia. Numero assolutamente positivo e che si avvicina a quello del 2019 (gli arrivi dall’estero furono 62 milioni, mentre nel 2020 solo 24 milioni). Lo stesso OCSE, poi, afferma che entro il 2024 i numeri torneranno a essere stabili sui livelli pre-pandemia, se non più alti.

La svolta green

Impossibile, poi, non citare l’impatto green sul turismo. L’argomento del turismo sostenibile sta suscitando finalmente molto interesse, in Europa già se ne parla da almeno un decennio nel settore.

Mentre la maggior parte degli operatori si prepara a uscire dalla crisi e a ricevere nuovi clienti, quelli più accorti hanno strizzato l’occhio al turismo sostenibile.

Una recente ricerca di Ernst&Young ha rivelato che il 62% dei viaggiatori italiani, per il 2022, prenderà in considerazione nella scelta della vacanza strutture sostenibili: basse emissioni di cO2, zero utilizzo di plastiche monouso ed altre importanti politiche ambientali.

Addirittura, la Fondazione UniVerde, prevede che per il 92% degli italiani, l’emergenza sanitaria incide sulle scelte di viaggio e per il 74% il turismo sostenibile è quello più sano e sicuro. Nei prossimi 10 anni, invece, la sensibilità per il turismo sostenibile e l’ecoturismo crescerà per il 66% degli italiani.

Gioca d’anticipo

Impossibile non prendere in considerazione questi numeri.

Giocare d’anticipo rispetto a trend annunciati diventa fondamentale per tutti gli albergatori e gli operatori nel settore del turismo e delle strutture ricettive.

Onenergy è un’azienda specializzata nell’efficientamento energetico per le strutture turistiche ed è presente sul mercato da più di 30 anni, è guidata da un management esperto con una visione ben chiara sui nuovi mercati del turismo sostenibile.

Per ottenere una consulenza sul programma e scoprire cosa può fare il programma ONECOHOTEL per la tua struttura, ti consigliamo di contattarci a uno di questi indirizzi:

(+39) 06-93470034

info@1energy.it